Back to the top
X
Questo sito utilizza cookie per migliorarne l’esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Maggiori informazioni

Biografia

Andrea Perrotta

Biografia

Andrea Perrotta nasce a Roma il 16 dicembre del 1973. Sin dai primi anni di vita dimostra una forte passione per la musica e per l’arte in genere. I primi approcci al ritmo e alle percussioni avvengono all’età di 3 anni, con pentole e coperchi che sostituiscono i tamburi ed i piatti di una batteria. Ama tenere il tempo e percuotere ogni cosa, ma è una attività troppo rumorosa, per questo dai suoi genitori riceve in regalo come primo strumento una tastiera Bontempi. La passione per i “tasti” lo porta poi a passare ad una Gem dei primi anni 80 sulla quale impara a suonare come autodidatta.

Nel 1989, insieme ud un suo compagno di classe detto “il Terry” scrive “Le Novele Bele”, un libro di poesie demenziali all’apparenza privo di significato, che tuttavia fotografa alcuni momenti della sua adolescenza.

Trascorre ore ad ascoltare musica su 33 giri, consuma letteralmente i vinili dei Pink Floyd, dei Genesis dei Police, ma ama anche la musica italiana, quella di Lucio Dalla, quella Franco Battiato e di Vasco Rossi. A 13 anni viene sedotto dalla chitarra, acquista una Fender Stratocaster rossa con i soldi ricavati dalla vendita del suo Commodore 64: l’amore per la musica oltrepassa anche la sua passione per i videogiochi.

Negli anni 90, tra i banchi di scuola, forma le prime band sul genere Metal e Grunge, nelle quali partecipa sia come chitarrista che come cantante. Con la band “Empire” inizia le sue prime esperienze sui palchi di teatri e feste di quartiere. In questi anni ascolta tantissima musica di vario genere e si innamora di molti artisti che faranno parte del suo background culturale, per citarne alcuni: Queen, Queensryche, Nirvana, Pearl Jam, Soundgarden, Elio e le Storie Tese, Joe Satriani, Dream Theater, Porcupine Tree.

Alla fine degli anni 90 forma la band Lilith (cover di voci femminili) dove suona come chitarrista insieme al suo amico Marco Fusco (basso). Questo percorso, passato tra tastiere, voce e chitarre, lo riporta poi alle origini, ovvero alle percussioni. Per chi lo conosce bene sa che ovunque si trova non fa altro che portare il tempo su oggetti come se fossero tamburi. Nell’anno 2003 inizia a studiare la batteria per sedare questa “malattia percussiva”. Studia con passione lo strumento con i maestri Daniele Giovannoni (Karmamoi) e Derek Wilson (Venditti, Zucchero). Partecipa a diversi seminari di importanti batteristi del panorama italiano ed internazionale, come Gavin Harrison, Gregg Bissonette, Christian Meyer, Walter Calloni ed ha la fortuna di conoscerli personalmente.

Nel 2006 forma, come batterista, una cover band dei Radiohead insieme a Marco Fusco (basso),  Diego Gangale (chitarra e voce) e Alessandro Mezzasalma (tastiere). La formazione si esibisce in numerosi locali romani e in piazze della provincia, proponendo le sonorità della band britannica.

Produce nel 2008 il DVD didattico per batteria “GrooveUp” di Daniele Giovannoni, occupandosi inoltre della regia e del montaggio audio/video.

Nel 2014, sempre come batterista, forma i REM-X tributo ai R.E.M. che vede alla voce Simone Patrizi (terzo tra le giovani proposte di Sanremo 2002). Insieme a Simone, Gianluca Malafronte (chitarra), Marco Fusco (basso) e Jurij Alex Silvestri (tastiere) suona tutt’oggi in diversi locali di Roma, partecipando anche ad alcune rassegne musicali.

Come batterista freelance, suona anche in altre cover band che vanno dalla musica italiana al rock anni 70. Come compositore e arrangiatore collabora con diversi musicisti romani e non. È esperto anche di grafica e design oltre che di montaggi video, per questo si occupa personalmente dell’artwork dei suoi prodotti.

Durante gli ultimi 10 anni scrive diversi brani inediti prevalentemente progressive, componendo e suonando tutte le parti dei vari strumenti. Intraprende lo studio del pianoforte con il maestro Danilo Blaiotta, studio orientato soprattutto alla composizione dei suoi brani. Nel 2019 decide di produrre un suo CD, tirando fuori dal cassetto il materiale realizzato fino a quel momento.

Nel 2020 lavora sul progetto “IRRESISTIBILI DISTANZE” un ritorno al rock progressivo Italiano, l’album uscito il 1 maggio 2021 nel formato CD DIGIPACK (Edizione Limitata) e sugli store digitali [ACQUISTA ORA].

© 2020-2021 Andrea Perrotta & AP Art Studio